Due di cuori

ho scritto t\’amo coi bit

La nostra Sicilia

Posted by lezia su 3 novembre 2006

images-sicilia.jpgLa Sicilia é difficile. Lacera persone e sentimenti e invade chi, per nascita o per scelta, si lega a lei.
La Sicilia è difficile. La sua arretratezza sociale ed economica è una lunga distanza geografica e mentale che la spinge lontano dall’Europa.
La Sicilia è crudele. Le atrocità della mafia sono un marchio d’orrore che tutti i siciliani si portano appresso come il numero impresso sulla carne degli ebrei dei lager. Non si può cancellare.
La Sicilia è bellissima e dura col suo sole titanico e tirannico, la sua luce violenta, il suo mare che dipinge e colora l’aria e la rinfresca. Bellissima e morbida nelle sue lente sere odorose, ridondanti di brezze lievi e vestiti leggeri e di chiacchere indolenti, di luci lungo le coste, di cibi sensuali.
La Sicilia è scomoda, ma viverla è possibile con orgoglio antico e altero. C’è chi crede che questa terra possa crescere e diventare moderna, civile ed economicamente evoluta senza perdere però le sue suggestioni, il suo fascino, la sua cultura.
C’è chi lavora perché ciò accada.

…dedicato a loro. Ai siciliani che crescono.
Leonardo Sciascia

Advertisements

2 Risposte to “La nostra Sicilia”

  1. devilmanga said

    e tutto questo parlare di Napoli, pone il problema siciliano in secondo piano.
    Quasi da sembrare un’isola felice.

  2. devilmanga said

    ah! questo tuo post mi ha ricordato una bella canzone dei Modena City Ramblers “La banda del sogno interrotto”

    A Palermo nel cuore del centro c’è un’antica focacceria
    davanti alla Chiesa di San Francesco, si ritrovano sempre li
    seduti al tavolo che fu di Sciascia a bere Heineken e caffè
    sono la banda del sogno interrotto di una Sicilia che non c’è
    C’è Isidoro, c’è Simone, Beppe il biondo della pantera
    Alex De Lisi l’artista da guerra che usa il pennello come una bandiera
    il loro capo Ottavio Navarra è stato eletto adesso sta a Roma
    si è comprato un vestito decente ma dentro ha ancora più rabbia di prima
    Didilala-hey didilala-hay
    se non sono ancora stanchi non si stancheranno mai
    non li fermano con gli spari, non li fermano con le TV
    sono i veri siciliani e non si fermeranno più
    Hanno sfilato in manifestazione, raccolti distratta solidarietà
    hanno pianto Falcone e gli altri, hanno guardato sbarcare i parà
    volantinato Zen e Acquasanta e non so quanti altri quartieri
    intanto il governo ha sbloccato gli appalti e la mafia riapre i cantieri
    Non so se noi ne avremo il coraggio, se prenderemo la via del nord
    o meglio ancora via dalle palle, fare in culo a tutti voi
    perchè nella banda del sogno interrotto non sono molti i fortunati
    sono in tutto quaranta persone di cui trentotto disoccupati
    Didilala-hey didilala-hay…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: